La Russia nel GNL di piccola taglia

22 Lug 2021 - ConferenzaGNL

La Russia nel GNL di piccola taglia

Nonostante la pandemia di coronavirus abbia avuto un impatto negativo sulle prospettive a lungo termine per l’industria globale del GNL e le previsioni per la messa in servizio delle capacità di produzione di GNL in tutto il mondo siano state riviste al ribasso, gli operatori russi prevedono che la domanda di GNL continuerà a crescere, anche come combustibile per i trasporti.

Con l’inasprimento delle leggi marittime internazionali sull’ambiente, il GNL sta infatti diventando un combustibile marittimo sempre più popolare. Uno degli strumenti normativi posti in essere per intervenire su questo nuovo mercato è stato la liberalizzazione delle esportazioni di GNL. I produttori di gas indipendenti sono liberi di esportare GNL in grandi e piccoli volumi.

Per guadagnare quote nel mercato del bunkeraggio marittimo del bacino del Pacifico, Gazprom prevede di costruire un impianto di GNL nella penisola di Lomonosov (baia di Perevoznaya) vicino al porto di Vladivostok, nell’estremo oriente russo.

In collaborazione con imprese russe di costruzione di macchine, Gazprom sta anche partecipando attivamente ai progetti per espandere l’uso del GNL nel trasporto stradale, ferroviario e fluviale, come locomotive di manovra e di linea principale e una motonave passeggeri per la crociera fluviale (costruita in Tatarstan nel 2020).

I camion KAMAZ per scopi speciali alimentati a GNL trasportano contenitori termicamente isolati con elio liquido dall’impianto di lavorazione del gas di Amur ai porti con sede nel Territorio di Primorye. Inoltre, lo sviluppo del segmento GNL su piccola scala è considerato essenziale per estendere l’infrastruttura del gas e fornire gas ai consumatori russi che si trovano lontano dalle linee di distribuzione del gas.

Ad esempio, un complesso di GNL su piccola scala nel territorio di Perm ha fornito gas a più di 2.000 famiglie e 10 caldaie dal 2015. Tra il 2021 e il 2025, saranno consegnati altri due progetti di investimento che coinvolgono tecnologie di liquefazione del gas naturale a Tomsk e Regioni di Sakhalin.

Novatek ha avviato le esportazioni di GNL dal suo nuovo impianto GNL su piccola scala a Cryogas-Vysotsk nella regione di Leningrado (Mar Baltico). I primi carichi spediti dal porto di Vysotsk sono stati consegnati direttamente agli utenti finali in Lituania, Finlandia e Svezia nella prima metà del 2019. Il progetto serve i mercati del Baltico e del Nord Europa, il mercato interno russo e i combustibili per uso marittimo dell’area del Mar Baltico mercato.

In concorrenza con Novatek, Gazprom sta sviluppando un progetto GNL su piccola scala costituito da un impianto di liquefazione, impianti di stoccaggio e capacità di spedizione presso la stazione di compressione di Portovaya con una capacità di 1,5 Mtpy di GNL. Il progetto è stato concepito nell’aspettativa che la domanda di GNL per il bunkeraggio marittimo continuerà ad aumentare nel mercato del bacino atlantico.

Per espandere la sua presenza nel mercato europeo dei veicoli a gas naturale (NGV), Gazprom ha costruito impianti di GNL su piccola scala vicino al confine occidentale a Kaliningrad, Kingisepp, Pskov e Petergov. Da questi impianti, i volumi delle esportazioni di GNL vengono consegnati via camion ai consumatori fuori rete in Polonia, Lituania, Lettonia e Finlandia.

Nel suo sforzo di incoraggiare il passaggio dal diesel al GNL come carburante per veicoli, Novatek ha completato un progetto pilota nella regione di Chelyabinsk per promuovere l’uso del GNL come combustibile per i camion pesanti da miniera. Il cambiamento nell’uso del carburante comporterebbe potenziali risparmi sui costi operativi, aumento del chilometraggio per serbatoio di GNL e riduzione dei costi di manutenzione.

Nel 2019, Gazprom Export ha esportato 443,5 tonnellate di small scale LNG, oltre 9 volte in più rispetto al 2018. La maggior parte di questa crescita è derivata dal trasporto via nave di ssLNG dall’impianto GNL di Vysotsk, il primo progetto di GNL di media scala sul Mar Baltico. Da marzo a dicembre 2019, sono state caricate complessivamente 381,5 tonnellate di ssLNG. Lo stesso anno la Compagnia ha effettuato la prima spedizione in assoluto di GNL dalla Russia alla Mongolia attraverso ferrovia con isocontainer.

Fonti: GazpromGasprocessingnews

Tag:, , ,