Snam in OLT, avanza la procedura per il bunker GNL

0

Snam e Gruppo Iren (multiutility di Torino, Genova, Reggio Emilia, Parma e Piacenza) hanno raggiunto un accordo per l’acquisizione da parte di Snam del 49,07% del capitale sociale di OLT, la società che ha realizzato e gestisce il terminale di rigassificazione offshore (FSRU – Floating Storage and Regasification Unit) situato a circa 22 km al largo della costa toscana tra Livorno e Pisa.

Il valore della quota rilevata da Snam è di circa 400 milioni di euro. A valle del completamento dell’acquisizione, OLT sarà controllata congiuntamente da Snam e First State Investments e l’azionariato sarà così composto: Snam 49,07%, First State Investments 48,24%, Golar LNG 2,69%. L’accordo dovrà essere valutato dall’autorità antitrust ma non si prevedono problemi per la natura regolata dell’impianto, al quale possono accedere con procedure trasparenti tutti gli operatori del GNL.

Con una capacità massima annua di rigassificazione di 3,75 miliardi di metri cubi, OLT è il secondo terminale di gas naturale liquefatto (GNL) italiano per dimensioni, con una RAB (Regulatory Asset Base) pari a circa 760 milioni di euro al 31 dicembre 2018. OLT ha conseguito nel 2018 ricavi per 112 milioni di euro e un EBITDA di circa 65 milioni di euro.

Il comunicato stampa congiunto di Snam e Iren conferma l’impegno per l’offerta dei servizi di carico e di navi cisterna di GNL di piccola taglia “promuovendo la penetrazione del gas naturale liquefatto come combustibile per il trasporto sostenibile marittimo e su strada”. La procedura autorizzativa per questo servizio ha ottenuto il via libera dalla Regione Toscana e dalla conferenza dei sevizi presso il Ministero dello sviluppo economico ed adesso è in fase di valutazione l’assoggettamento alla VIA (valutazione di impatto ambientale) presso il Ministero dell’Ambiente.

Terminato il processo autorizzativo sarà necessario circa un anno per l’adeguamento tecnico dell’impianto, che oggi può solo ricevere il GNL da grandi metaniere. Il servizio di rifornimento delle navi cisterna di GNL non è ancora effettuato da nessun altro terminal nel Mediterraneo.

Fonte: comunicato stampa Snam