Gara per 20 stazioni GNL nelle principali strade dell’India

0

In India, le principali compagnie petrolifere del paese (Petronet LNG Limited, Indian Oil Corporation, Bharat Petroleum Corp Ltd) si stanno muovendo collettivamente per introdurre nel corso del prossimo anno circa 20 stazioni di rifornimento di gas naturale liquefatto (GNL) su alcune delle principali arterie del trasporto pesante del paese.

Nel corso della Conferenza “Distribuzione del gas di città in India” tenutasi sotto l’egida della PHDCCI Camera di Commercio e dell’Industria indiana il 12 luglio scorso, Vinod Kumar Mishra, Direttore Finanziario di Petronet LNG Ltd, ha dichiarato che le gare per la loro costruzione verranno indette entro i prossimi 15 giorni.

L’intenzione sarebbe quella di stabilire la base di un progetto pilota relativo a una flotta di circa 5.000 camion alimentati a GNL impiegati su cinque principali arterie autostradali nazionali, secondo quanto dichiarato dal sig. V.K.Mishra che ha aggiunto “In caso di successo dell’esperimento, il progetto verrebbe ripetuto nel 2020 con altri 5.000 autocarri alimentati a GNL sulle autostrade nazionali, consentendo di risparmiare circa il 25% del costo del carburante e di affrontare efficacemente il problema dell’inquinamento stradale“.

Il piano di sviluppo, che si fonda sulla determinazione del governo indiano di tagliare i costi del carburante e affrontare l’inquinamento atmosferico, trova ispirazione anche nello straordinario esempio in Cina dell’impiego del GNL nel trasporto autostradale pesante, dove si stima siano operativi circa 300.000 camion alimentati a gas naturale liquefatto.

Anche i produttori indiani, tra cui Tata e Mahindra, sarebbero incoraggiati a produrre camion alimentati a GNL e, successivamente, anche  autobus per far crescere la base del progetto.

Rajeev Mathur GAIL India Ltd Director Business Development e Presidente del  Comitato per l’Energia della Camera di Commercio e Industria indiana, in un suo intervento ha sottolineato che fino a quando i veicoli elettrici non saranno divenuti una realtà nazionale, il gas naturale dovrà essere incoraggiato come migliore carburante alternativo per alimentare il settore dei trasporti in quanto consentirebbe notevoli risparmi sui costi, e soprattutto di affrontare immediatamente il problema dell’aumento dell’inquinamento dei veicoli.

Petronet LNG Limited, una delle società in più rapida crescita nel settore energetico indiano, ha istituito il primo terminale di ricezione e rigassificazione di GNL del paese a Dahej, nel Gujarat, e un altro terminal a Kochi, nel Kerala. Mentre il terminale Dahej ha una capacità nominale di 15 MMTPA, il terminale Kochi ha una capacità di 5 MMTPA.

Quattro delle principali aziende del settore pubblico nel settore degli idrocarburi del paese, vale a dire la Oil and Natural Gas Corporation Limited (ONGC), la Indian Oil Corporation Limited (IOCL), la Bharat Petroleum Corporation Limited (BPCL) e GAIL (India) Limited (GAIL) hanno investito in Petronet LNG, ognuna ha una quota azionaria del 12,5%, con il rimanente 50% posseduto dal Governo indiano.

Fonte PHD Chamber of Commerce and Industry, New Delhi