L’estone Alexela progetta la prima stazione di rifornimento GNL

0

La compagnia energetica estone Alexela ha riferito i piani per l’apertura di una stazione di rifornimento di gas naturale liquefatto (GNL) a Jüri, la prima nel suo genere nella regione baltica estone, entro la fine di quest’anno.

Il settore dei trasporti rappresenta il 25% delle emissioni di gas serra in Europa ed è una delle principali fonti di inquinamento atmosferico nelle città “, ha dichiarato Alan Vaht, membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo Alexela, secondo il quale altre stazioni a GNL potranno essere prese in considerazione in futuro.

Il GNL è sempre più utilizzato come carburante per gli automezzi pesanti, spinto dai nuovi limiti alle emissioni atmosferiche, finora applicati soltanto alle autovetture, che in futuro saranno applicati anche ai veicoli del trasporto pesante a seguito della proposta della Commissione europea del 17 maggio 2018.

Inoltre, l’Europa prevede di collegare il costo dei pedaggi con le emissioni atmosferiche. Tutti questi passaggi sono legati a un piano ambizioso per spostare l’intero settore dei trasporti verso le auto con zero o basse emissioni di CO2, ha comunicato Alexela in una nota.

Rispetto all’anno 1970, le emissioni di CO2 emesse dal settore dei trasporti sono più che raddoppiate e per migliorare la situazione, l’Unione europea ha fissato l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 nel settore dei trasporti di almeno il 60% entro il 2050 rispetto al 1990.

La direttiva dell’Unione europea prevede la necessità di sviluppare gas naturale (metano e GNL), caricabatterie elettrici e infrastrutture per l’idrogeno. Mentre l’energia elettrica e l’auto-a gas metano sono più adatti alle autovetture, il gas naturale liquefatto è destinato all’uso nel settore dei trasporti”, ha aggiunto A. Vaht.

Tuttavia, Alexela afferma che lo sviluppo delle strutture di rifornimento deve andare di pari passo con l’aumento del numero di veicoli che utilizzano il GNL come carburante.

Ogni azienda di trasporto merci dovrebbe prendere in considerazione l’acquisto di un veicolo LNG: noi abbiamo il proposito di acquistare tre veicoli Scania alimentati a GNL che sostituiranno i veicoli con motori diesel più vecchi“, ha concluso Vaht.

Fonte LNG World News