MSC e Onorato ordinano quattro traghetti Ro-Pax LNG Ready in Cina

14 Feb 2018 - ConferenzaGNL

MSC e Onorato ordinano quattro traghetti Ro-Pax LNG Ready in Cina

I due gruppi di navigazione MSC Group e Onorato Armatori,  l’11 Febbraio u.s. hanno firmato insieme un ordine per la costruzione complessiva di quattro traghetti allestiti con alimentazione a GNL presso i due cantieri Guangzhou Shipyard International (GSI) e China Shipbuilding Trading Co.(CSTC), entrambi appartenenti al conglomerato industriale statale cinese China State Shipbuilding Corporation (CSSC).

La commessa riguarda traghetti Ro-Pax di circa 230 metri caratterizzati da elevati standard di comfort, dotati di 536 cabine e in grado di trasportare fino a 2.500 passeggeri e oltre 3.700 metri lineari di carichi rotabili, che saranno equipaggiati con sistemi LNG-ready, ovvero predisposti per la propulsione con gas naturale liquefatto come carburante, in grado di navigare a una velocità massima di 2,5 nodi.

La prima nave (che sarà consegnata nel 2020) e la terza unità della serie saranno destinate a Grandi Navi Veloci (GNV), la compagnia controllata del gruppo MSC della famiglia Aponte, la seconda (la cui consegna è prevista per aprile 2021) e la quarta nave saranno destinate invece al Gruppo Onorato (Moby e irrenia CIN).

Il contratto prevede inoltre per ciascuno dei due gruppi armatoriali la possibilità di esercitare l’opzione per l’ulteriore costruzione di altre 2 unità Ro-Pax gemelle.

Alla cerimonia di firma, che si è tenuta a Pechino presso la sede di CSSC, erano presenti il Presidente del gruppo cantieristico cinese Dong Qiang, Pierfrancesco Vago in rappresentanza del gruppo MSC, Achille Onorato per Onorato Armatori e Matteo Catani, Amministratore Delegato di GNV.

Achille Onorato, che ha così commentato l’accordo: “Questo nuovo passo verso nuove navi a basso impatto ambientale dimostra il nostro impegno nel voler offrire un servizio di trasporto di merci e di persone sempre migliore nel Mediterraneo”.

Fonte: Themeditelegraph

Leggi originale: www.themeditelegraph.com/it/

Tag: