BluLNG: a Beinasco l’impianto del primo brand di rete a GNL

0

Rete S.p.A., società operante da oltre 30 anni nel Retail della Distribuzione Carburanti ha inaugurato giovedì 22 novembre a Beinasco, a sud di Torino, il nuovo impianto di distribuzione di Gas Naturale Liquefatto (GNL) a marchio BLU per automezzi pesanti e vetture, il primo della Provincia.

La stazione di Beinasco è situata in una posizione strategica, nei pressi dell’Interporto S.I.TO e a soli 2 chilometri dalla tangenziale “Drosso”. L’impianto, realizzato da HAM Italia, è dotato di 1 erogatore a 2 pistole di GNL e 1 erogatore a 4 pistole di L-GNC, con un serbatoio verticale da 80 mc di capacità. 

La cerimonia di inaugurazione ha visto tra i presenti, oltre a Teseo Bastia, AD di Rete S.p.A., il Sindaco di Beinasco, Maurizio Piazza, che ha effettuato il taglio del nastro, il Presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, il Direttore Generale Mercato Italia IVECO, Miahi Daderlat e l’AD di IVECO ORECCHIA, il concessionario di zona, Paolo Orecchia.

Al taglio del nastro è seguito il convegno “GNL: la soluzione concreta per la mobilità sostenibile del futuro”, moderato da Diego Gavagnin, Coordinatore Scientifico di ConferenzaGNL e che ha visto gli interventi del Direttore di Assogasliquidi, Rita Caroselli, del Direttore Generale dell’Unione Petrolifera, Marina Barbanti, del comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Torino, Marco Frezza, del Responsabile Trasporti Carrefour Italia, Pierluigi Pica, del Direttore Generale Mercato Italia IVECO, Mihai Daderlat e del Direttore Commerciale di LC3, Dario Cingolani.

Tutti gli interventi hanno sottolineato l’importanza e la necessità di fare lavoro di squadra per attivare le strategie e le azioni propedeutiche al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale, verso la transizione energetica.

“Dobbiamo lavorare insieme per attuare al meglio tutte alternative sostenibili. La crescita del trasporto intermodale può giocare un ruolo fondamentale nel raggiungimento degli obiettivi comuni” ha dichiarato il Presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino.

“Bisogna agire e lavorare con forza per dotare l’Italia delle infrastrutture small scale di approvvigionamento GNL, la cui mancanza oggi è il vero anello debole della catena” ha tenuto a ribadire Rita Caroselli, Direttore Assogasliquidi.

“Preferiamo parlare di evoluzione piuttosto che di transizione. Seguiamo e crediamo nel GNL, soprattutto per quanto riguarda il trasporto pesante” ha affermato Marina Barbanti, Direttore Generale dell’Unione Petrolifera.

“Abbiamo bisogno di una rivoluzione ambientale e aumentare la sensibilità di operatori, retisti e clienti attorno al tema della sostenibilità” ha sottolineato Dario Cingolani, Direttore Commerciale di LC3, prima in Italia ad avere investito in veicoli a metano liquido.

      

Protagonista del primo rifornimento dimostrativo di carburante, un IVECO Stralis NP 460, recentemente premiato con il riconoscimento “Sustainable Truck of The Year 2019”, grazie alla sua tecnologia, e all’efficienza dei consumi su strada di cui dispone, che permettono di ridurre il Costo Totale di Esercizio (TCO) fino al 9% rispetto alle corrispondenti versioni diesel e il consumo di carburante fino al 15%.

Al termine della manifestazione, Pierre Lahutte, IVECO Brand President, ha effettuato la consegna di alcuni esemplari di Stralis NP 400 e 460 cv: AF Zust Ambrosetti, azienda della provincia lodigiana di Massalengo, ha ritirato il primo di una commessa di 27 veicoli siglata quest’anno. Specializzata nella logistica del freddo, gestisce anche le consegne per il colosso della distribuzione Carrefour, grazie ad un parco mezzi di circa 200 unità, un quarto delle quali a marchio Iveco. In tal modo viene rafforzata ulteriormente la partnership con il costruttore nazionale, del quale l’azienda è anche fornitore.

Altri quattro Stralis NP 460 sono andati a implementare la flotta del cliente Chrono Express, che opera nel settore dei trasporti e della logistica, mentre Actis Autotrasporti, azienda specializzata nell’autotrasporto e magazzinaggio di materiali pericolosi, ha ritirato sette Stralis NP, che vanno a raddoppiare il numero di unità alimentate a gas naturale acquistate nel corso dell’anno. 

   

  

Fonte: La Gazzetta di Lucca