In Turchia il primo impianto GNL sull’altra sponda del Mediterraneo

17 Gen 2020 - ConferenzaGNL

In Turchia il primo impianto GNL sull’altra sponda del Mediterraneo

Shell & Turcas Petrol, joint venture tra il leader internazionale del gas naturale e il principale operatore turco della distribuzione stradale carburanti, ha aperto la prima stazione di GNL per il trasporto pesante del Paese. Si tratta del primo punto di rifornimento di GNL sull’altra sponda del Mediterraneo.

La stazione si trova a Sapanca, sull’autostrada anatolica tra Istanbul-Ankara, che riceve i maggiori volumi di traffico di trasporto internazionale. La Turchia è il quarto paese europeo in cui Shell apre una stazione di GNL per la mobilità stradale, dopo Germania, Belgio e Olanda.

L’accordo di joint venture tra Shell Turkey e Turcas Petrol Sa, entrato in attività il primo luglio 2006, riguarda le vendite al dettaglio e all’ingrosso, la commercializzazione e la distribuzione di carburanti e lubrificanti; Turcas detiene una partecipazione del 30%.

In occasione dell’inaugurazione dell’impianto, lo scorso 14 gennaio, Turcas Petrol ha affermato sui canali social che quest’apertura segna l’inizio di una nuova era nel trasporto pesante su strada della Turchia, con l’offerta di un nuovo carburante alternativo. E’ la risposta dell’azienda alla crescente domanda di fonti energetiche alternative in Turchia.

Alla cerimonia di apertura della stazione hanno partecipato il Vice governatore Kurseli Dursun Balaban, il direttore generale del Ministero dei trasporti e delle infrastrutture Cem Murat Yildirim, il presidente di Shell Turchia Ahmet Erdem, il CEO di Shell & Turcas Felix Faber, il CEO di Doğuş Otomotiv Ali Bilaloğlu e il direttore IVECO per la turchia Hakkı Isinak .

Cem Murat Yildirim del Ministero dei Trasporti ha dichiarato di voler aumentare il numero di stazioni di rifornimento di GNL a supporto del settore logistico: “In questo modo, saremo in grado di vedere l’aumento del numero di camion a GNL sulle strade di un periodo di tempo molto breve”.

Ali Bilaloğlu, concessionario di Scania per il trasporto pesante, condivide: “La domanda di veicoli a carburante alternativo aumenterà rapidamente. Prevediamo che il numero di veicoli a GNL arriverà presto al 10 per cento del parco camion nel nostro paese.” Ahmet Erdem di Shell ha sottolineato che la domanda di energia nel mondo è in aumento e che questa domanda deve utilizzare fonti di energia alternative più pulite. Il GNL sta diventando un combustibile alternativo per il settore della logistica in molti paesi e ha aggiunto: “Il GNL, che ha un costo di importazione inferiore rispetto al diesel, avrà un impatto positivo sul deficit delle partite correnti se utilizzato nel trasporto su strada“.

Fonte: Globalgasmobility.com

Tag:, ,